Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

giovedì 16 febbraio 2012

Incontro con l'autore - The great team (10 febbraio 2012)


Fermatevi per una pausa all’AUTO GRILL di Canto31,
 un viaggio è fatto anche dai momenti di sosta!

Avevo intenzione di sottotitolare questo post “Cronache dal blizzard”, ma sono già tre giorni che il sole splende illuminando di nuova vita la rossa Bologna e per scaramanzia (ché sono quattro giorni che piove nel bagno e vorrei vedere voi a espletare le quotidiane evacuazioni con l’ombrello in mano) eviterò.
Però è sotto l’egida del famigerato blizzard che venerdì sera scorso la Libreria Golconda (era passato anche troppo tempo dalla mia ultima visita) ha ospitato un evento senza dubbio interessante, cioè la presentazione di una raccolta di racconti di un gruppo di autori totalmente emergente, un’antologia conclusiva di un corso di scrittura creativa, come racconta lo scrittore bolognese più prolifico che io conosca: “C’è chi passa il sabato facendo le vasche su e giù per via Indipendenza. Chi lo passa al centro commerciale. Chi in un multisala a dieci schermi.
Quattordici persone, per due mesi, hanno trascorso il sabato nel sotterraneo di una famosa libreria del centro di Bologna …
Dopo il primo esperimento ben riuscito, anche questo secondo corso organizzato dall’associazione culturale Canto 31 ha ricevuto nel ruolo di insegnante la guida del buon Gianluca Morozzi, tra l’altro, introduttore anche del tardo pomeridiano evento, e ottenuto la pubblicazione grazie alla Jar edizioni nella collana The bell of Jar.
E così, dopo aver pubblicato Non solo Maia (primo volume del primo corso), e seguendo il filone del soggetto retrò per la copertina, eccoci ad Auto Grill, ovvero tredici autori per un solo tema, quello della grande A bianca in campo rosso tanto famosa sulle nostre autostrade.

Devo ammettere che mi è dispiaciuto non poter assistere alla lettura integrale dei cinque racconti fatta dai cinque rispettivi autori presenti in libreria (cinque su tredici) - in ordine di lettura: Thomas Foligno, Loris Fabrizi, Daniela Matrella, Alessia Falugi e Angelo Marino - alla presentazione (gioco di parole necessario), del resto motivata dal tempo decisamente poco amico e dalla lunghezza degli stessi, ma grazie alla gagliardia del Morozzi e alla gentilezza della Jar ho avuto in regalo il libro, per cui ho pututo gustarmi le cinque (più otto) variazioni sul tema – rispettivamente: Immortalando l’immortalità, Vieni all’altro grill, Finte morti all’Autogrill, L’operatore pluriservizio e 58 km dopo Bologna – formando, disteso sul letto con il collo su un cuscino ripiegato quattro volte, la mia comodissima quanto cortissima elle.

Se c’è una cosa che davvero mi piace di Bologna (e anzi non fanno altro che ripetermi che ora è peggiorata) è il suo modo di approcciarsi all’arte nel suo tentativo, non dico sempre riuscito,  di promuoverla e valorizzarla rendendola avvicinabile e giustamente umana nel suo intrecciare relazioni. Ed è questo il prodotto più importante.
Non stilerò pesanti classifiche sul racconto più bello tra i cinque o sul più bello dei tredici, perché tutti i partecipanti al progetto ne escono con il sorriso di chi è arrivato fin in fondo mettendosi in gioco e intanto, nella speranza che possa essere davvero un lungo viaggio, per lo meno si potrà affermare di essere partiti.
A presto e buona lettura.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget