Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

lunedì 20 febbraio 2012

Stephen King - Torno a prenderti

Titolo originale: The gingerbread girl
Autore: Stephen Edwin King
Anno 2007

Edizione:
Sperling & Kupfer economico
Pagine: 106


"Solo a parole [...] i vecchi invocano la morte,
 deprecando l'età avanzata e la lunghezza della vita:
 se la morte si presenta da vicino, nessuno vuole morire,
 e la vecchiaia per loro non è più un peso"
Euripide

Ci son due cose che discutendo di King vengono sempre fuori: la prima è che possiede il dono della scrittura, cioè quella particolare dote di rendere piacevole, scorrevole e imbarazzantemente catturante pressocché qualunque cosa scritta; la seconda è che è un grande cappellattore di finali e qui se c'è senza dubbio da discuterne, c'è ben poco da spiegare.
La protagonista del libro, che in inglese s'intitola "The gingerbread girl" -----------> "La ragazza di pan di zenzero" (a proposito la conoscete la filastrocca dell'omino di pan di zenzero scritta da Richard Scarry? Vabbè vi allego una cosetta tematica interpretata da Milena Vukotic:

Dicevo, lei è Emily, una donna che per conseguenza a un lutto diventa una specie di guscio vuoto, trascinandosi nella sopravvivenza e smaltendo la condanna di risvegliarsi ogni dì attraverso la corsa, l'ossessione per la corsa. Ed è con la corsa che s'innesca, si sviscera e si risolve questo breve romanzetto che comincia con una donna che per la perdita si accorge di soffrire di solitudine (nonostante il suo matrimonio) e finisce con una donna che forse non la soffre più così tanto. 
Torno a prenderti è un libercolo senza troppe pretese che fa il paio con la prima caratteristica di King, senza però lo svantaggio della seconda. E intanto già questo non è poco. E sarebbe stato ancora meglio se solo l'autore non avesse così straordinariamente trattato la tematica rapisci e tortura in Misery non deve morire. Ma via, cerchiamo di accontentarci, tanto è evidente già dalla lunghezza che questo non può essere altro che un libro di riempimento con nessuna trovata originale. 
Del resto anche la catarsi alla morte risulta essere sempre la stessa, ed è rappresentata dalla vita che quanto più si intensifica nelle sue emozioni, tanto più s'impone su tutto. Vi dice niente la storia di quell'uomo che dopo aver chiamato la morte per mal sopportazione del vivere, rispose all'apparir di quella: "Che no, senza dubbio doveva essersi sbagliata e doveva averlo confuso con qualcun altro"? Ecco, ora immaginatela al femminile e con qualche piccolo incentivo in più.
Buona lettura, più o meno.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget