Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

Racconti

Milano - New York solo andata 
- Idea inedita per una sceneggiatura del videoclip del pezzo Milano - New York solo andata dei Calibro 35 -

"Un uomo con in mano una valigetta, alto, spalle larghe, capelli castano chiari, indossa un dolce vita bianco e pantaloni neri, cammina attraversando un corridoio di moquette verde illuminato a neon, tre piante a foglie larghe in vasi stondati di ceramica bianca sul pavimento, alla parete solo i muri bianchi. Ai due lati del corridoio uffici, porte a vetri, luci spente non c'è nessuno all'interno, solo l'ultima porta in fondo è accesa e opacizza una luce gialla ..."
 
Con gli occhi aperti
- Un racconto scritto per "Pelle" mostra fotografica di Alexander Gonzalez Delgado -

"Anche un filo di luce mi basterebbe per distinguermi in questo specchio.
Detesto gli specchi. Distorcono la realtà. Rendono la nostra naturale asimmetria talmente deforme, da poterla assimilare a quella di un quadro di Picasso e, in questo acuire le imperfezioni perfette che dovrebbero renderci unici, svelano impunemente la nostra natura mostruosa, nascosta sotto i panni che tutti i giorni indossiamo.

Come se fossimo tutti innocenti. Niente di più falso.

Le favole, alla fine, hanno vinto. Nessuno le conosce più, ma tutti sanno raccontarsele ..."

Le coincidenze di un agosto
- Un viaggio, tre passeggeri, una storia di intere vite di coincidenze -

"SenzaBaffi era salito da un’ora sul treno Ancona-Chiasso e dai dieci minuti successivi al momento in cui si era seduto, stava maledicendo la sua sfortuna. A chi imputare sennò l’aver prenotato proprio quel posto in quella cabina occupata solo da altre due persone così egotiche, da aver bisogno di sentire le loro voci con quell’insistenza? Infatti CongliOcchiali e BarbaRiccia stavano parlando, anzi litigavano, scannandosi moderatamente, su questioni politiche, come se fossero stati in piena campagna elettorale e dovessero convincere un’invisibile platea a votar per uno di loro due ..."
 
Confessioni di un saputo 
- Il Paradiso è esistito davvero! -

"Stamattina, proprio mentre consumavo il mio biscotto nel bicchiere di latte, intendo non il Mio Biscotto, ma quella parodia di evento che mi sforzo a chiamare colazione, ho letto a tutta pagina:

“Il Paradiso è esistito davvero”.

..."
- Una città vecchia e una partita di carte tra amici, nell'osteria dove cozze più buone non se ne possono trovare -

"Eravamo io, Franco, Peppe e Tonino il Porco, che lo chiamavamo così fin da quando eravamo ragazzi, perché qualunque cosa toccasse vi lasciava sopra una ditata di unto, manco avesse stretto nel pugno fino a poco prima della sugna fresca. Fortunatamente invecchiando aveva cominciato a lavarsi anche le mani ..."

- Un popolo disperato nel giorno più triste e insieme più importante, quello che da presente diventa futuro. Una nuova era -

"- Fratelli.
In questa terribile notte abbiamo conosciuto la morte.
Ci ha colti di sorpresa senza alcuna distinzione tra adulti e infanti. Non potevamo saperlo. Avremmo dovuto forse, ma come avremmo potuto pensare che la nostra fortuna sarebbe stata dissolta in questa maniera. La nostra comunità, così potente, così prolifica.
Niente, non è rimasto più niente, eccetto Noi ..." 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget