Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

sabato 22 ottobre 2011

Elisabeth Cutler live (20 ottobre 2011)

Non ero partito con l'idea di recensire questa serata, e non perché fossi prevenuto, o per qualche motivo specifico, ma semplicemente perché l'avevo presa più tranquillamente, un'uscita senza velleità particolari, solo una passeggiata a bere una cosetta e ascoltare un po' di musica dal vivo, che non fa mai male. Così raccogliendo l'invito degli amici de La Fabbrica di andare vedere e sentire il live della cantante americana Elizabeth Cutler, accompagnata in questo suo tour dal batterista e percussionista Massimiliano di Loreto, son arrivato al Rifugio del Neurone e ho scoperto il suo magnifico ambientino "nascosto" al piano sotterraneo. 
Ecco, questo è stato il primo motivo che mi ha fatto venir voglia di scrivere. Quando poi di Loreto e la Cutler hanno iniziato la loro performance, è arrivato il fatidico colpo di grazia che ha messo in piazza le mie velleità. Niente più vacanza, scrivete schiave. Scusate, ho delle mani riottose e pigre. Ma torniamo a noi.

Bella e intima. Con queste due parole potrei riassumere l'intera situazione creatasi tra le quattro mura del localino di S.Isaia, che ospitava come sovrappiù anche la mostra fotografica Indieground (una passeggiata di quindici scatti nel mondo indipendente italiano) di Roberto Ricciuti. Ma poi non mi soffermerei a descrivere l'incantevole voce della Cutler, calda e leziosamente avvolgente, del resto non a caso visto che questo quinto disco, prodotto da Filippo De Laura, s'intitola Slow release e parla con una voce tutta femminile dell'amore e delle relazioni amorose. Né mi potrei soffermare, se scegliessi l'efficace brevità dei due aggettivi, sulla creatività ritmica del di Loreto, che con spazzole e bacchette, incanta, esalta e diverte, tanto che mentre lo vedo rimpiango di non aver mai imparato a suonare la batteria o almeno un bongo.
Che poi e apro una piccola parentesi, chi è dietro alle casse e ai piatti, è sempre un po' defilato rispetto agli altri musicisti e alla fine non essendo in prima linea sul palco è sempre difficile poter godere visivamente della sua abilità. In questo contesto invece l'essere solo in due, Cutler voce e chitarra (ora elettrica ora acustica) e di Loreto percussioni, ha creato una miscela decisamente piacevole per le orecchie e per gli occhi.

  
Dopo un'ora e mezza d'intensa immersione nel mondo musicale della Cutler, mi è sembrato di trovarmi nella colonna sonora di una puntata di Ally McBeal, pensiero improvviso quanto buffo, ma credo che il motivo sia legato da un lato al contesto offerto dal locale con quel suo tappeto centrale circondato da tutti quei pouffes (o puff), dall'altro all'alternarsi di una musicalità blues a quella di un folk appena più movimentato, che insieme han reso tutto soffice, piacevole, accogliente e malinconico come solo le relazioni amorose sanno essere.
Un serata live dai tratti sentimentali evidenti, che non ha mancato di abbracciare come avrebbe fatto un maglione di lana in inverno. 
Bella. Intima.
A presto e buon ascolto!

Ps. Ringrazio i ragazzi de La Fabbrica, che si son resi disponibili a farmi conoscere persino gli artisti con cui infine son riuscito a scambiare anche qualche chiacchiera.
Pps. Quindi un ringraziamento speciale a Nicoletta "Nika" Antonini per il contributo video e per quello fotografico (che potete continuare a guardare qui e qui), senza il quale non avrei posseduto alcuna istantanea di questa deliziosa serata!

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget