Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

lunedì 5 settembre 2011

Karen Anders - Fantasie al lampone

Titolo originale: The bare facts
Autore: Karen Alarie
Anno 2002
Edizione: Harmony Temptation
Pagine: 195

“Se non l’avessi letto non avrei saputo tutto quel che so sull’ars amandi
Ovidio
C’è questo e poi c’è Le Ore
Roberto Gervaso
Impara l’arte e mettila da parte
Jessica Rizzo

E’ inutile che fate quelle facce, se ho fatto quel che ho fatto è solo per voi, che lo so che siete maniaci del voyeurismo quotidiano da youporn, vittime delle vostre stesse passioni così spesso tarpate. Il pensiero di potervi titillare l’apparato mi è venuto oggi, mentre agognavo in ritirata l’espletamento di certuni bisogni cui sono poco avvezzo. Ero lì in solitudine senza far nulla di concreto, poi la scintilla: “Demonio, ma al CostArena c’è un Harmony (allora non sapevo che fosse anche Temptation, una delle linee più piccanti), ma come ho fatto a non pensarci prima!”.
Così eccomi qui, dopo un estenuante lavoro di cesellamento, a parlarvi di questa rarissima perla nascosta al mercato editoriale (e un motivo ci sarà pure se così è stato finora); so che i vostri cuori induriti abbisognano del giusto calore per ritornare al loro originario stato carnoso e la scelta di Fantasie al lampone è stata una di quelle tipicamente obbligate per ottenere un tale risultato … il secondo sarà una forma virale di dissenteria, ma di questo parleremo un’altra volta magari.

Vi prego, però, di leggere con me la quarta di copertina, perché vi basterà a comprendere la pienezza di una letteratura così sopraffina, che si fa beffe del miglior Bulgakov: 
Haley Lawton per mantenere il suo lavoro di giornalista presso la Spice [leggasi Cronaca vera], un magazine femminile piccante, deve produrre quattro articoli da urlo [leggasi da orgasmo per mani solitarie e donne frettelose] e suggerire quattro fantasie che accendano il rapporto di coppia. Avendo però poca esperienza e molti sogni [è una di quelle a cui piace l’anal ma non avendolo provato, ancora non lo sa (cit.)] convince l’amico Dylan Malone [ma senza stare a pregarlo troppo, che fino al giorno prima l'omone riusciva a restar in forma grazie a dosi massicce di seghe] a provare con lei i passaggi cruciali prima di raccontarli nei suoi articoli.
I passaggi cruciali appunto [leggasi ammicca ammicca] … Dylan è molto esperto in teoria e disponibile alla pratica [ve l’avevo detto che il poverino aveva i calli alle mani]. La bocca sexy di Haley e le sue mani impazienti sono difficili da dimenticare terminate le lezioni [altro che poca esperienza!]. Dopo le quattro fantasie Dylan inizia a volerne provare altre, destinate a non essere pubblicate [leggasi almeno finché non diventeranno ex, dopodiché, da bravo americano, giù a condividerle in rete!]”.

In questo romanzo al "cardiopalma", non sono lasciate al piacere tappe segrete, non ci sono geometriche velleità onanistiche, né iconografiche masturbazioni da salotto, qui siamo di fronte al culmine di due persone che diventeranno l’uno il leone della passione dell’altra.
Non volendo lasciarvi sulle spine, che a scherzar con il cuore non si sa mai cosa può accadere, posso assicurarvi che in questa calda rincorsa alle coronarie dell’eros vi attende un lieto fine. Immaginate cosa sarebbe successo se Grecia Colmenares avesse incontrato la pelle nuda di Julio Iglesias, o Margareth Thatcher si fosse lasciata intorpidire dalla lascivia di Giacomo Casanova e avrete questo libro, un gorgo irrefrenabile che termina con un “Sì, lo voglio” e non dove pensate voi!
Buona lettura…

2 commenti:

  1. Un istante, forse ho capito male... tutto ciò significa che l'hai letto?? Attenzione, in tal caso non sarebbe un giudizio negativo, quanto un plauso al tuo coraggio

    RispondiElimina
  2. La comicità passa per il dolore! :D

    RispondiElimina

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget