Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

giovedì 31 maggio 2012

Max Brooks - World war Z. La Guerra Mondiale degli Zombi

Titolo originale:World War Z. An oral history of the Zombie War
Autore: Max Brooks
Anno 2007
Editore: Cooper storie
Pagine: 307

"I morti risorgeranno e i loro corpi saranno svegliati"
Apocalisse di Isaia 26,19

"Quindi la prossima volta che qualcuno prova a dirle che la vera perdita di questa guerra è stata la nostra "innocenza" o una parte della nostra "umanità", [sputa in acqua.] quello che è, amico. Vallo a raccontare alle balene"

Mentre stavo cominciando a scrivere forse l'aver ri-osservato la copertina mi ha fatto venire in mente: "This is the end, beautiful friend. This is the end, my only friend, the end", così sono andato sul tubo e ho messo i Doors. Che ci volete fare, il pensiero dell'Apocalisse è sempre suggestivo e sono sicuro che non serve essere nichilisti, per aver anche solo immaginato possibili scenari da fine del mondo e The End, va probabilmente bene per uno qualsiasi di quelli immaginati. 

Ma passiamo alla domanda del giorno, se vi chiedessi di pensare a uno scenario apocalittico, quale verrebbe a disegnarsi nella vostra mente?
Nella mia già al solo pensiero della domanda, pur sapendo bene dove sto per andare a parare, mi si sovrappongono quadri su quadri, che mi pare di essere in uno di quei film di fantascienza in cui per vedere gli ologrammi li devo spostare con la mano e accostare gli uni agli altri. Per il sig. Brooks l'apocalisse è zombi e non vi nasconderò che a me la possibilità di una simile evenienza mi garba da matti, sempre ammettendo l'aver a che fare con gli zombi lenti di romeriana memoria e non con i centometristi dei film più contemporanei. 
Insomma, voi aprite World War Z e vi ritrovate nel mezzo di un racconto/intervista a più voci della più grande depressione subita dal genere umano, una guerra mondiale fatta dagli uomini contro ZOM (l'orda risvegliata di non-morti) o da ZOM contro gli uomini a seconda dei punti di vista.
Il romanzo diventa quindi un'enorme sbobinatura di interviste rilasciate da soldati, politici, attivisti, civili, di tutto il mondo, i quali parola dopo parola cesellano un insieme di fatti, aneddoti, ricostruzioni raccontando nel complesso ciò che è stato negli anni di guerra e ciò che resta del mondo as they know it. 

WWZ è un libro di intrattenimento ben scritto e scorrevole, che pecca forse di due particolari: il primo, è non aver sempre abbastanza forza nello strutturare le diversificazioni tra personaggi; lasciando, per esempio, un linguaggio che più spesso non si distanzia e non trova novità, bensì semi-ripetitività; il secondo, è nella sua lunghezza, anche con cinquanta pagine in meno sarebbe stato ugualmente valido e sufficiente.
Nel frattempo, come spero accada, in attesa che un virus infetti la razza umana, un liquame tossico la umetta restituendone proditoria e fatiscente non-vita, accada una qualsivoglia cosa che abbia come prodotto simili effetti, io affilo le armi, che si sa: "È dell'uomo previdente non mancare mai di niente" e per dimostrarvi quanto io sia previdente, mi basterebbe mostrarvi il contenuto delle mie tasche o del mio borsello.
Buona lettura.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget