Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

venerdì 25 febbraio 2011

Soundmagazine.it - Supergonzo - History. A tribute to Supergonzo


Plin.
Un suono windowsiano come questo e una voce femminile robotizzata, vi introdurranno ed accompagneranno, rispettivamente, per la durata dell’istantanea musicale di quest’ultimo lavoro dei Supergonzo “History. A tribute to Supergonzo”, prima uscita della diNotte Records.

Ma attenzione, se pensate al nome con l’intenzione di aggiungerci l’aggettivo demenziale, sappiate che siete cascati male, perché questi come suggerisce un vecchio adagio popolare “menano come fabbri”, forse non solo musicalmente.
History, sono dieci minuti di esecuzione punk talmente intensi che per la loro brevità e i loro continui cambi di ritmo, non vi daranno nemmeno il tempo di pogare; è un viale cittadino percorso a duecento Km/h da un semaforo all’altro. I più distratti tra voi non faranno nemmeno in tempo a leggere Intro, che già dovranno prestare la loro attenzione a Superennio Morrigonzo, ultimo brano del cd.

Questo sesto lavoro dei ragazzi del gruppo nato a Verona, non è esattamente una raccolta ma piuttosto è un vero e proprio tributo. È la voglia di racchiudere cinque anni di concerti, birre e centimetri segnati sul bordo porta della sala prove; una sorta di autocelebrazione, ma comunque più che meritata, vista la capacità artistica delle tre anime (Mecchi, Otta e Ted) del gruppo.
I Supergonzo sono un devastante blitzkrieg che passando per il vostro timpano assalterà la vostra mente violandola impunemente. Un punk che supera il genere stesso da cui nasce per diventare qualcosa di assolutamente personale, che solo un super gonzo cercherebbe, inutilmente, di catalogare.
Buon ascolto.
Plin.

Ps. Ringrazio Valentina e Soundmagazine per l’opportunità.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget