Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

lunedì 21 febbraio 2011

Incontro con l'autore - Valerio Evangelisti (20 Febbraio 2011)

"Quando le pistole sono scariche, usate bastoni e mattoni"
Film "The wobblies" (1979)

Se il Modo infoshop nel mio immaginifico è il monolocale di uno studente universitario sballato e ben fornito di libri, senza alcun dubbio il Dans la rue è il luogo dove il medesimo studente si ritrova con i membri del suo gruppo rock, per le sue accese serate di meta-politica, per provare i pezzi che suoneranno ai prossimi spettacoli, o magari il locale dove verranno portate le ragazze quando la serata svolterà bene.
L'incontro di questa sera prevedeva la presenza di Valerio Evangelisti uno dei più grandi e, vista la sua produzione, anche poliedrici, scrittori italiani e la presentazione del suo appena ristampato libro "Noi saremo tutto", edito dalle Strade blu Mondadori già nel 2004.

Tra tutti gli incontri cui ho finora preso parte, quello di questa sera e stato il più atipico. La principale motivazione la attribuirei al fatto che per la prima volta non era un libro inedito quello che stava venendo presentato, quindi, al fatto che la tematica - le lotte sindacali tra connivenza con la criminalità, movimento sociale e politica - e lo scenario storico - l'America degli trenta/cinquanta (del secolo scorso) - attraverso i quali si dipana la trama del romanzo, possiedono uno spessore e sono di un interesse tali da rendere infruttuoso qualunque tentativo di resistenza alla divagazione o alla digressione.

Andiamo con ordine. Già nel titolo c'è un richiamo fortissimo all'intera trama del libro. "Noi saremo tutto" è infatti l'ottava strofa dell'inno de L'Internazionale, canzone che credo non abbia bisogno di particolari presentazioni.
Ma è solo l'inizio di un libro che attraverso le azioni nefande e i maneggi dell'anti-eroico protagonista, Eddie Florio, porta in rassegna un venticinquennio di storia americana. Questo romanzo gode non solo di una bibliografia impressionante e minuziosa, ma opera anche un lavoro di ricerca capace, con l'intento di svelare retroscena, curiosità o veri e propri fatti della storia del movimento operaio americano, abbastanza sconosciuto e fin troppo poco trattato vista la sua importanza socio-politica.

Nei fatti la ri-proposizione di questo libro (particolarmente attuale visti gli ultimi fatti di spiacevole attualità che stiamo vivendo in Italia)  è stato un po' un "pretesto" con cui Evangelisti ha tenuto una breve e intensa lezione su molte delle cose che, associandosi al tema principale del suo romanzo, diventano storia e società americana di quegli anni: dall'inusitata violenza con cui i movimenti son stati combattuti dallo Stato,  fino ai loro legami con la criminalità del posto, tanto da esser paragonabili al caporalato di nostra conoscenza. 
Tutto questo mentre alle sue spalle e della presentatrice della serata, Barbara, su un grande pannello a muro veniva proiettato il film The Wobblies, 90 minuti per raccontare le vicende di questo movimento sindacale che si occupava di difendere i diritti dei lavoratori precari.

L'incontro meritava una partecipazione molto più consistente della ventina di persone presenti, ma leggere il libro potrà in qualche maniera porre rimedio all'assenza. 
A presto e buona lettura.
 
Ps. Era moltissimo tempo che non mi trovavo sballottato e un po' perso nella moltitudine di citazioni e stimoli, se ben ricordo dalle ultime lezioni sul Machiavello tenute all'Università di Siena dal professor Ginzburg. Stavolta per lo meno son stato in grado di prendere il fatidico toro per le corna.

3 commenti:

  1. Lo sto leggendo proprio adesso!

    RispondiElimina
  2. fantastica recensione, lo comprerò!

    RispondiElimina
  3. Buona lettura a entrambi.
    ... e fatemi sapere un vostro parere da lettori!
    A presto.
    A.

    RispondiElimina

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget