Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

venerdì 4 maggio 2012

Soundmagazine.it - En roco - Né uomini né ragazzi


Terribilmente statico
male in arnese a scrivere
mi trovo sempre disperato
quando ti vedo spoglia
Carta

Se si parla di armonia musicale il controcanto è sicuramente una delle pratiche che mi lascia sempre piacevolmente incantato (oggi andiamo per assonanze), diciamo quando ben eseguito naturalmente (oh ma certo monsieur Lapalisse si accomodi prego, che c’è posto). E questo disco è continuamente stato in grado di appagarmi, un bello schiaffo nei miei confronti da parte del pop, verso il quale il mio dileggio è frequente come la presenza dei formaggi nella mia dieta. Questo a testimoniare primo che io sia un gran consumatore di formaggi, quindi anche che c’è pop e pop e non è che tutta la produzione nostrana sul genere sia da non considerare, anzi.

Gli En roco, a una certa distanza dal precedente lavoro Spigoli, ritornano con il loro “Né uomini né ragazzi” (Fosbury/Audioglobe 2011), un disco caratterizzato da un ritmo che si alterna tra ballate suadenti (In favore del vento, Bonjour tristèsse, Nell’acqua) ed elettricità coinvolgente (Carta, I giorni della lepre, Non dimentico) tenute insieme da una freschezza poetica particolarmente ricca di significati, di domande e di dubbi esistenziali e da un controcanto deliziosamente armonico.

L’Ep della band genevose si presenta con un’eleganza molto personale, appagante nei sensi come nel tempo di ascolto, che lascia a soffermarsi sul suo peso artistico già dall’inizio con la canzone di apertura Un significato, che potrebbe essere un po’ anche l’incipit di un viaggio alla ricerca di se stessi, del piacere, del dolore o della vita, il concept su cui il disco stesso è costruito.
Né uomini né ragazzi, mette nostalgia e desiderio di scoperta, attraverso liriche che agitano il pensiero, senza ingenuità, ma anche senza aggressione. E’ una libera associazione, di sentimenti, di emozioni e sensazioni non semplicemente piacevoli, ma, forse, quelle che creano ragazzi e ne lasciano uomini, come tempo che scorre.
Buon ascolto.





Ps. Ringrazio Valentina e Soundmagazine per l'opportunità!

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget