Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

domenica 4 dicembre 2011

Soundmagazine.it - Filippo Andreani - Scritti con Pablo


perché il potere la voce
 contraria la chiama bugia …

Un excursus degli ultimi cinquant’anni di tradizione cantautorale elevato da una poetica romantica sensibilmente toccante, così appare il disco Scritti con Pablo,secondo lavoro di Filippo Andreani (Lucente/Many e distribuito da Venus) che irrompe attraversandoti  nei sentimenti come se fosse il motivo della sua naturale esistenza, come se quella precisa corda sentimentale ci fosse sempre stata e si fosse svegliata, in tutta la sua cristallina chiarezza, all’improvviso.

Il punto di vista del disco, caratterizzato da un forte richiamo emotivo già nel titolo e raccontando le undici storie che lo compongono, appare mancante di via di uscita e sembra essere, in questa caratteristica, una trasposizione musicale degli “Scritti corsari” di Pasolini, con vette da lasciare senza fiato, come nei passaggi d’amoroso incanto di Non Passarmi oltre.

La produzione artistica è affidata a Simone Spreafico, fondatore e chitarrista dei Mercanti di Liquore, che con le sue chitarre porta negli “Scritti con Pablo” una non meno impressionante accuratezza stilistica, esaltata anche dalle partecipazioni di numerosi musicisti: Marco Castiglioni (batteria), Massimo Scoca (contrabbasso), Franco Barbera (pianoforte), Giulia Larghi (violino), Raffaele Khöler (tromba, flicorno), Davide Lasala (chitarre elettriche).
Sono ancora colto dalla grazia di questo disco e dalla poetica di Andreani.
Taccio.
Buon ascolto.


Ps. Ringrazio Valentina e Soundmagazine per l'opportunità!

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget