Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

martedì 5 luglio 2011

Scontri in Val di Susa - I soliti quattro stronzi

"Sorto all'aurora, al buon pastor la via
addimandai di Francia. - Oltre quei monti
Sono altri monti, ei disse, ed altri ancora;
e lontano lontan Francia; mia via
non avvi; e mille son que' monti, e tutti
erti, nudi, tremendi, inabitati,
se non da spirti, ed uom mortal giammai
non li varcò."
Alessandro Manzoni - Adelchi

Sono orripilato, per innumerevoli ragioni a dire la verità, ad esempio sono orripilato perché costretto dagli eventi a parlare di argomenti di cui non vorrei parlare, sono orripilato anche perché al posto di essere parte attiva, finisco per essere, non importa se mi ci sento oppure no, solo una voce, e magari è vero che quando l'uomo con la penna incontra quello con la pistola, quello con la pistola è un uomo morto, ma lì per lì pure quello con la penna non starà mica più tanto bene.

Comunque non so se state vedendo quel che succede nel mondo. Io per essere sinceri no. Ma sto vedendo quel che sta succedendo in Val di Susa, il che non è una scusante, ma un semplice fatto.
Non so, avete presente la Val di Susa? Parlo di quella lingua di terra a ovest di Torino, dove hanno intenzione di costruire una TAV, come "'cazzo è la TAV?", è la linea ad alta velocità che ci collegherà con la Francia e ci darà una connessione con il futuro. Che poi se togliamo la parte in cui dicono di volerci connettere con la Francia, avevano già detto questa cosa anche per la Salerno-Reggio Calabria e poi sappiamo tutti come (non) è finita.
Comunque non è di TAV che voglio parlarvi, non sarei nemmeno lontanamente titolato a poterlo fare e troverei l'eventuale battibecco tedioso.

Quello di cui ho bisogno di parlarvi, e che voglio capire, è in ordine:
- questo

- questo 

- questo
http://informarexresistere.fr/2011/07/04/val-susa-la-cronaca-della-giornata/

Non sono i primi giorni di protesta o manifestazione solo che non riesco più a restare in silenzio sull'argomento.
E perché non ci riesci più? Perché dal mio essermi riempito la testa (leggasi sanato i coglioni) è venuto fuori il titolo. Il quale titolo ha molte letture, in potenza.
Sono giorni che leggo articoli sull'argomento. Ci sono un po' di cose che lasciano basiti. La prima, ma è solo un esempio, è che poliziotti in completo antisommossa stanno massacrando civili italiani armati di temibili bastoni e pietre, che uno vorrebbe pure fossero i soliti quattro stronzi di studenti di sinistra (tanto chi se ne è mai inculato dei giovani fatti neri per le strade? Quasi quasi non farebbe nemmeno più notizia), ma no, non sono loro. Lì in mezzo ci sono anziani, padri e madri di famiglia, giovani di sinistra e non, scalmanati, stimati professionisti.
Ah ho capito. Vuoi dire allora che i poliziotti sono i soliti quattro stronzi. No. Mi piacerebbe. Davvero. Quelli però non sono stronzi. Sono persone che stanno eseguendo degli ordini ben precisi. E non sono poliziotti, ché se lo fossero di fronte a una civile che spiega le sue ragioni non sparerebbero come invece fanno alla fine del primo video. No. Sono assassini. E gli assassini non sono stronzi. E' il loro lavoro. 
Eh, chi resta allora, vabbé quelli in Parlamento. Beh sì, loro sono i soliti quattro stronzi. Con quello che sta succedendo potrebbero almeno non dire quello schifo così infamante. Liquami vomitati dalla bocca. Che poi a vedersi non è neppure una bella scena. Comunque no, non sono nemmeno loro.

I soliti quattro stronzi siamo noi. 
Siamo così genuflessi a questo schifo da non comprendere nemmeno più fin dove esiste qualcosa di accettabile e dove questo cesso, cessa di essere tale. Siamo talmente spenti, da parlare di TAV/NO TAV mentre la polizia sta caricando come un branco di rinoceronti degli altri cittadini "colpevoli" di non volere il mostro ecologico di un treno ad alta velocità sotto casa loro (indipendentemente questo da se è giusto montare quei binari oppure no). I soliti quattro stronzi siamo noi, ché ci vien detto che la polizia è lì solo per controllare la situazione e quando mandano quindici civili in ospedale facciamo spallucce. 

A me sta bene essere un solito stronzo, è uno status come un altro tutto sommato. Basta però che quando vedo qualcuno inseguito da un uomo che brandisce uno scudo in plexiglass e un manganello di cuoio con l'anima di metallo, mi si dica che è lì per essere rimandato a casa rotto, almeno lo so in anticipo.
Che volete farci sono schizzinoso, queste sorprese non mi piacciono per nulla e le bugie mi irritano.

Informatevi.
A presto e buona lettura.

8 commenti:

  1. La polizia avrebbe dovuto sparare ad altezza uomo. E proiettili veri, non di gomma. Di fronte non aveva, come scrivi tu, "civili italiani armati di temibili bastoni e pietre". No, di fronte aveva un gruppo di guerriglieri (anche se un po' mi fa schifo usare questo termine per definire quei quattro stronzi teppisti) che avevano come unico scopo la ricerca dello scontro. Ma dico, le hai viste le regole d'ingaggio? Gli uomini in blu (e verde) hanno preso sassate tutto il giorno. Se qualcuno esce di casa con casco, bastone e maschera antigas, il minimo che possa aspettarsi è di non tornarci, a casa. O, se ci torna, di passare per un pronto soccorso.

    RispondiElimina
  2. Sono totalmente disgustata da quello che sento, da quello che vedo... Un chiaro segno di dittatura, ce ne stiamo accorgendo?

    RispondiElimina
  3. E tu "anonimo" l'hai visto l'ultimo video?
    La polizia è lì per mantenere l'ordine pubblico, è pagata per farlo, e un conto è reagire ai teppistelli, come li chiami tu, e un conto è tirare giù da un cavalcavia sassi a un corteo non di certo formato da "teppistelli".

    Non mi si venga a dire che, poverini, son stati attaccati tutto il giorno. No, non è una giustificazione. Perché il loro ruolo (discutibile o meno)e quello per cui sono pagati è proprio mantenere l'ordine e MANTENERE LA LUCIDITA' per capire chi è lì a fare casino e chi è lì a manifestare pacificamente.

    RispondiElimina
  4. Ma Caro Anonimo ma sai cosa è la TAV e cosa c'è dentro quella cazzo di montagna di merda? Prima di scrivere stronzate informati. Io anche sono contrario ai Black Block ma un conto è prendere quelli che lanciano bombe incendiare un conto è sparare lacrimogeni a chi sta manifestando dove ci sono anziani e bambini. Ce lo vedi una vecchiatta a lanciare delle molotov. Un consiglio tanto che ci sei prendi una pistola del poliziotto con proiettili veri ed usala sulla tua testa... E a differenza tua io mi firmo...

    RispondiElimina
  5. Primo intervento, giusto per non dover finire in tribunale a causa di un acceso diverbio, le norme riguardo ai blog sono agghiaccianti e inculanti per gli autori.

    Innanzi tutto grazie comunque della vostra attenzione.
    Quindi al nostro commentatore anonimo.
    Non credo che tutti siano andati a manifestare lì il loro dissenso senza alcuna acrimonia. Certo che lo Stato, al posto di mandare uomini in antisommossa, potrebbe pure mandare agenti in borghese e tranquilli, questo accalorerebbe meno, forse.

    Ma veniamo al sodo.
    Senza arrivare a parlare di cosa sia la TAV, che può diventare fuorviante.
    Anonimo, restiamo sul pezzo, lo sai che i poliziotti dovrebbero non lanciare sassi dal cavalcavia diretti ai manifestanti? Lo sai che non si spara gas urticante sugli anziani o su civili che manifestano pacificamente? Lo sai che quando si fanno cariche di alleggerimento, dopo che si è "alleggerito" non ci si accanisce su chi rimane a terra? Lo sai che una donna di 65(e passa) anni è stata travolta da un mezzo delle forze dell'ordine?
    Se non lo sai. Ti prego. Informati.
    Grazie.
    Andrea

    Ps. Se la polizia spara su un civile e lo strina le indagini d'accertamento dovrebbero essere il doppio più incessanti e precise, perché il loro dovere non è quello di sparare sui civili, il loro dovere è possedere un'arma per difenderli.
    Mi auguro che in quella valle nessuno sia così sconsiderato da dimenticarlo.

    RispondiElimina
  6. Genova, 20 luglio 2001

    RispondiElimina
  7. la scuola di Kossiga, Nuovo Ordine Mondiale, "manifesterai con dolore" altro che teppistelli!

    RispondiElimina
  8. Agenti in borghese a prendere sassate in testa????'

    RispondiElimina

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget