Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

domenica 1 maggio 2011

James Ellroy - Scasso con stupro

Titolo originale: HOT-PROWL RAPE-O
Autore: James Ellroy
Anno 2007
Edizione: Tascabili Bompiani
Pagine: 138

.. un attimo di attenzione prego, abbiate pazienza signore e signori e prima di dedicarmi i vostri occhi, vogliate farvi la cortesia di premere quel triangolino orizzontale e dedicargli le vostre orecchie pochi secondi, quanto basta, prima di impegnarvi, con l'accompagnamento di uno dei più grandi maestri della musica jazz, nella lettura.

Signore e Signori, Mesdames et Monsieurs, Ladies and Gentlemen, Django Reinhardt!




"Vieni a Los Angeles, il sole splende, le spiagge sono ampie e accoglienti e
le piantagioni di aranceti si estendono a perdita d'occhio.
I posti di lavoro abbondano e i terreni costano poco.
Ogni lavoratore può avere casa propria e,
in quella casa, una tipica famiglia felice americana.
Tu puoi avere tutto ciò e chissà... potresti anche venire scoperto,
diventare una stella del Cinema o almeno avvicinarne qualcuna.
La vita è bella a Los Angeles è un paradiso sulla terra! ..."
L.A Confidential

Ogni volta che sento nominare Ellroy non posso fare a meno di ripensare al jazz e a quel capolavoro che è L.A. Confidential, sia letterario, sia cinematografico.
Scasso con stupro non possiede la stessa potenza di quel romanzo, né, d'altronde, lo stesso ingarbugliato intreccio o la medesima lunghezza. E' un lavoro differente, ossessionatamente ossessivo sin dall'utilizzo del linguaggio condito da innumerevoli allitterazioni. Ma la figura retorica è solo l'iniezione iniziale; infatti la fase discorsiva è introdotta da ripetitivi disse/dissi a ogni botta e risposta e, per dirne un'altra, il nome di Megan Moore "l'attrice che fa quei film soft-porno che vanno a notte fonda ...", "perno" (capirete dopo aver letto il  libro il perché libidinoso delle virgolette) di gran parte dell'intreccio, viene ripetuto continuamente, non meno di 100 volte. Ma anche i personaggi sono ossessivi: nella loro ricerca di gossip; nel loro feticismo; nella loro serialità criminosa. Persino il protagonista, il detective Jensen è ossessivo nella sua passione per Donna.

Ellroy, in questo quadro sesso-centrico e patologico, non si smentisce e con fare da funzionale funambolo costruisce, lega, intreccia, svela, gioca. Si titilla coi suoi topo-lettori con felicità felina e sciorina un romanzetto (etto per la brevità) noir con i controfiocchi, con tanto di corruzione, fumo, immaginifici flashback in bianco nero e jazz. E poi bulli e pupe, qualche scazzottata, qualche povero stronzo che s'invischia in disegni più grandi di lui, pistole, giornalisti sbruffoni  e sbrufolizzati segaioli.

Chiudete gli occhi, c'è ancora Django? Godetevelo, lui e quel che resta di quelle poco meno di 140 pagine che compongono Scasso con stupro, "... ma ricordate, cari lettori, è una notizia di prima mano molto ufficiosa, resti fra noi e quindi Zitti Zitti".
Buona lettura.

4 commenti:

  1. è uno degli autori che leggo volentieri. ho letto quello che si può definire spin off di scasso con stupro, jungletown jihad, e mi ha divertito. a volte la sua scrittura ossessiva ubriaca, e con mi ci va a nozze.
    questo romanzo è quello che, più o meno, indaga la morte della madre di Ellroy, giusto?

    RispondiElimina
  2. La morte della madre?
    Oh santa fede... non saprei? Non c'è da scritto da nessuna parte.

    Ps. Considerando la lunghezza potevi leggerlo tutto già che c'eri! ^^

    RispondiElimina
  3. infatti sono un cazzone, il libro è "clandestino" (il suo secondo romanzo), mentre l'altro romanzo su un omicidio irrisolto a cui ha assistito è "The Black Dahlia".

    ps: non ho capito il ps

    RispondiElimina
  4. Avendo letto lo spin off, ormai c'eri arrivato più o meno! ^^

    RispondiElimina

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget