Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

domenica 8 gennaio 2012

Intervallo

"Il cinema non morirà mai,
ormai è nato e non può morire:
morirà la sala cinematografica, forse,
ma di questo non mi frega niente"
Mario Monicelli


Embé che fin'hai fatto caro il mio LettereeGiorni, lo sai che qua non è che puoi prendere ferie e lasciarci tutti così. Eh! Eh! Eh! Nonsifa LettereeGiorni! No! No! No!

Essendo che di base ho il culo pesante e inoltre sono un poco impegnato con la scrittura del volume secondo di Dei o Demoni le mie possibilità di scrivere, scrivere, scrivere, nuovi riempimenti da blog non sembrano così vicine, ma, e naturalmente c'è sempre il ma, il vero motivo per cui non sto aggiornando (ma - appunto - preparatevi che il prossimo è un romanzo cyberpunk) è che sto vedendo film. Sì, qualcuno ... diciamo al ritmo di tre al giorno più o meno... una vera mattanza cinematografica, che mescolandosi per la vicinanza nel tempo di visione diventano un pastrocchio di sceneggiature, così poi ho gli incubi notturni, tipo chessò un sogno con protagonista uno squalo serial killer sadico che ha 'sta capacità di pilotare bolidi manco fosse Schumacher e però sta fuggendo dalle fatine dei denti dalla mentalità borghese che abitano in un appartamento di New York. Insomma intanto li vedo ché mi piace, se poi magari mi vengono anche nuove idee è tutto brodo da cui attingere.

Questo post è infatti legato ai film che in questi giorni, leggasi in quest'ultima settimana festifera, ho visto, alcuni sicuramente tra i migliori di quest'anno appena passato, sguazzando tra qualche vecchissima gloria, magari anche già vista, e qualche cagata galattica, che no, purtroppo ho scoperto giusto ultimamente. Di quasi tutti questi suggerimenti, sempre ben accetti, ringrazio Zio Chicken & Broccoli, senza il quale la ricerca dei migliori sarebbe stata uno zinzo più ardua.

Andiamo in ordine alfabetico:
Carnage - Roman Polanski
Contenders - Serie 7- Daniel Minahan
Deus Irae (cortometraggio) - Pedro Cristiani 
Dont' be afraid - Guillermo Del Toro
Drive - Nicolas Winding Refn
Green street hooligans 2 - Jesse V. Johnson
Il marito perfetto (cortometraggio) - Lucas Pavetto
Insidious - James Wan
Kill me please - Olias Barco
L'occhio del gatto - Lewis Teague
L'odio - Mathieu Kassovitz
Melancholia - Lars Von Trier
Once were warriors - Lee Tamahori
Red, white and blue - Simon Rumley
Scarlatti, il thriller - Frank La Loggia
Shark night - David R. Ellis
Signore e signori  - Pietro Germi
The Goonies - Steven Spielberg
The human centipede (first sequence) - Tom Six

Non vi aspetterete certo che mi metta a commentare tutti questi film, no, dico, siete impazziti? Ma andate a guardarveli piuttosto e "accontentatevi" del colore rosso per indicare i meritevoli!
Buona lettura e buona visione!

Ps. Ultimamente mi son capitati assai spesso film spagnoli, l'ultimo di Almodóvar sarà il prossimo, ecco, il futuro del cinema horror è sicuramente nelle loro mani, forse anche il resto dei generi qualcosa da imparare potrà trovarla.
Pps. E dopo che li avrete visti o se li avete già visti, ricordate di dirmi che ne pensate!

2 commenti:

  1. ma quante cose fa lei Broggi... e tutte bene!

    RispondiElimina
  2. E' quando c'è il diletto che offro il meglio di me!
    A presto!

    RispondiElimina

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget