Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

giovedì 9 giugno 2011

Amos Oz - D'un tratto nel folto del bosco

Titolo originale: Suddenly in the depth of the forest - A fairy tale
Autore: Amos Oz
Anno 2005
Edizione: Universale Economica Feltrinelli
Pagine: 114

Anno nuovo, vita nuova si direbbe, almeno a giudicare dal fatto che se fino a qualche tempo fa non erano presenti con così grande frequenza miei pareri negativi, ora sembrano, soprattutto ultimamente, abbondare.


D'un tratto nel folto del bosco è un bel libro, almeno finché dalla quarta di copertina, che bisogna ammettere è davvero accattivante, con questo mondo silenzioso, profondamente mutato dalla scomparsa degli animali, non si passa al suo contenuto.
E' innanzitutto evidente che pur avendo come protagonisti due adolescenti, Mati e Maya, questa non è una fiaba scritta per incontrare i gusti dei soli più piccoli, così come è evidente che il lessico narrativo è volutamente non appesantito, per essere più in tema soprattutto con il genere fiabesco, infatti non è in questo che si sostanzia il mio dissapore. Il vero problema è il suo essere buonista (avrei voluto aggiungere anche inutilmente, ma non è il caso di rendere particolarmente acrimonioso il mio scrivere) e se il messaggio del rispetto e il paragone che facilmente si può trovare tra Olocausto e trama (del quale parallelismo mi domando se davvero ci fosse il bisogno) alla fine non tolgono nulla, anzi tutto sommato nel primo caso arricchiscono, son proprio i contenuti a pagare di più il fio. Infatti, da un lato risultano ripetitivi, come se la giustezza di un'affermazione si esprimesse attraverso la reiterazione, dall'altro superficiali attraverso il concetto animali buoni  e pacifici contro umani malvagi e aggressivi.

Affiniamo. Che gli animali siano buoni e gli umani malvagi, per quanto pressappochista come affermazione, tutto sommato non mi pare esser troppo distante dal vero, ma che gli animali siano pacifici e gli umani siano aggressivi, diversamente è un bel tuffo nel risibile, visto che sì, non ci sarà cattiveria forse nell'ammazzare un giovane gnu da parte del leone, ma della violenza, che regola con profonda interezza l'ecosistema naturale, meglio non parlare, almeno non in questi termini così assoluti.

Una piccola caduta di stile, per un autore che pur non conoscendo molto (mea culpa, ora pro nobis), dovrebbe essere tra i massimi autori viventi contemporanei.
Buona lettura.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget