Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

lunedì 23 settembre 2013

Quarto anno


In attesa che il groove dei Marc4 vi salti addosso amoreggiando con le vostre meningi e raccontandovi storie di bulle e pupi che giocano una mano di poker intorno a tavoli verdi in sale fumose, gli anni scorrono e noi siamo al 4 (guarda te le coincidenze!). Che a seconda di come lo si conta (ad esempio per i cani è uno più sette per tre) può rappresentare varie età. A noi, però, ci piacciono tutte, quindi disegnateci quella che preferite, ché quando si parla di vecchiezza in un modo o nell'altro poi si finisce per parlare dei costi della vita e uno non sa mai se rispondere: "Ehhh che volete farci..." o anche "Ha ragione, non ci sono più le mezze stagioni" e ancora "Capienza 4 persone, levata massima 290kg".
Poi non so voi, ma io quando penso ai genetliaci, penso sempre a una specie di Capodanno personale, come se l'anno contasse dal giorno di nascita e non dall'1 Gennaio, ma dalla regia mi fanno presente che anche la questione dell'1 Gennaio è legata ai punti di vista.
 
Comunque siamo vivi, come rispondo sempre alla domanda Come va/Come stai, per cui finché siamo vivi va pure bene. O diciamo che può esserci tempo per farla andare bene...
... o peggio. 

Inizialmente sarebbe dovuto essere un post benaugurante, ma non si può mai sapere come vanno a finire le storie. Anzi no, si sa sempre. Tutte le storie finiscono con la merda soprattutto quando la comitiva è più numerosa del numero due e, attenzione, il fenomeno è esponenziale. 
Non si sa perché è una specie di legge non-scritta. 
Provate a mettervi a tavola e a parlare di qualunque argomento, tempo tre ore di chiacchiere ci arrivate. 
C'è sempre qualche creativo dell'argomento. Ma è vero anche che io sono tra questi e il rischio, se io sono presente al tavolo cessa di manifestarsi come probabile.

E dire che i Marc 4 avrebbero potuto lasciar presagire una certa eleganza, o introspezione...  che volete farci, così va la vita. [cit.]
A presto e buona lettura!

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget