Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

lunedì 12 ottobre 2009

Leonardo Sciascia - A ciascuno il suo

Titolo originale: A ciascuno il suo
Autore: Leonardo Sciascia
Anno 1988
Edizione: Gli Adelphi
Pagine: 151

Nel leggere Sciascia, e senza dubbio questo romanzo breve (molto breve) ne è l'emblema, si ha sempre a che fare con un qualcosa di impalpabile, di indefinito ma incontrovertibile, ineluttabile e predeterminato.
Questo qualcosa è arricchito dall'immutata, tacita, consapevolezza che le leggi del sud sono crudeli e quanto più l'agire dell'individuo è scrupoloso, genuino, mosso da qualche virtù, tanto più loro sono stringenti nel cappio che vengono a formare intorno al suo collo.

"A ciascuno il suo" è un giallo "a perdere", cioè pur inserendosi all'interno di questo genere se ne dissocia dai suoi criteri standard. Infatti il protagonista nello scontrarsi con il criminale, si scontra (o si incontra) anche con il suo stesso fato ed il finale della storia, non è un finale, ma lo scorrere quotidiano della vita.

Buona lettura.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget