Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

giovedì 18 settembre 2014

Soundmagazine - Ecole du ciel - Heartbeat war drum

Un fiore, non riesco a riconoscere quale, nel pieno del suo vigore, campeggia come copertina di quest’opera prima degli Ecole du ciel, dal titolo Heartbeat war drum, disco molto suonato e molto poco cantato, come si evince sin dalla prima traccia, Forever up there, dove la voce è più uno strumento che ha lo scopo di vocalizzare l’emozione, una vera bordata sonora, che fa da preludio a From my farthest shores, diventando un binomio di tracce impressionantemente bello, di quella bellezza che lascia attoniti a riflettere su quanto facilmente un immediato impatto acustico possa generare la pelle d’oca.

E’ talmente breve il disco, circa venti minuti, che lo si potrebbe pensare più come a un ep se non fosse così evidentemente compiuto, finito pur nella sua brevità.

La voce, dove non si fa strumento, è urlata, non tanto a indicare una sorta di disperazione interiore, quanto forse a dire: “guardami sono qui”, indicando quindi un riconoscimento di esistenza che poi è forse in parte già condensato nel titolo dell’album, con quei battiti di cuore a mo’ di tamburi da guerra. 
Questo degli Ecole du ciel è un post rock intenso, appena svarionato dalla traccia ambient, Wheelboat, che è un po’ l’inclusa che non c’entra, almeno dal punto di vista dell’aspetto armonico, uno stridio che fa da rumore di fondo a un disco dall’ottima componente ritmica e che, a questo punto, dire che ci è piaciuto risulta pure superfluo.
Buon ascolto!


Ps. Ringrazio Valentina e Soundmagazine per l'opportunità!

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget