Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

giovedì 4 novembre 2010

Thomas de Quincey - L'assassinio come una delle belle arti

Titolo originale: On murdered considered as uno of the Fine arts
Autore: Thomas de Quincey
Anno 2009
Edizione: La Biblioteca - Robin edizioni
Pagine: 126


"... La gente comincia a rendersi conto che nella composizione di un bell'assassinio, c'è qualcosa di più di due stupidi, l'uccisore e l'ucciso, un coltello, una borsa e un vicolo buio. Trama, signori, allestimento, luce e ombra, poesia, sentimento, sono ora considerati indispensabili a prove di questa natura. ...Ogni cosa a questo mondo ha due aspetti. L'assassinio, per esempio, può esser preso per l'aspetto morale ... e quello lo ammetto è il suo lato debole; oppure può essere trattato esteticamente, come dicono i tedeschi, cioè in relazione al buon gusto ...".

E' con questo ironico inizio che si viene a conoscenza del tema che verrà trattato per l'intero brevissimo romanzo, che, se vogliamo, possiamo considerare, con un certo divertimento, molto vicino ad un'opera saggistica, una specie di elogio della polvere estremamente dissacrante e godibile.
Infatti, attraverso l'escamotage inventivo di un uomo morbosamente virtuoso, che entra in possesso di materiale scottante appartenente a una Società londinese, che dovrebbe occuparsi della diffusione del vizio (a sindacare che l'esercizio del moralizzare sia un leitmotiv senza tempo particolarmente suscettibile della nostra società), de Quincey ci spinge in articolate descrizioni, che dal genio incontrastato dell'inventore dell'omicidio, Caino, giungono fino all'Inghilterra dei suoi anni.
Vengono descritti con minuzia e sopraffino eloquio ben due omicidi, piuttosto differenti tra loro, ma accomunati dalla architettura artistica della loro globale esecuzione e dal gesto atletico compiuto dalle vittime per salvare la propria vita.

Il taglio narrativo scelto è una strampalata quanto "geniale" iperbole, tipica dello humour britannico, un modo per vivacizzare con scelte stilistiche raffinate e del tutto fuori schema, un argomento di approccio più accademico, con il risultato non di ridicolizzare la materia trattata, ma l'occhio con cui la società l'osserva.
Buona lettura.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget