Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

mercoledì 29 settembre 2010

Valerio Evangelisti - Tortuga

Titolo originale:
Autore: Valerio Evangelisti
Anno 2008
Edizione: Piccola biblioteca Oscar Mondadori
Pagine: 330

E' il 1865 e, da adesso in poi, vi consiglio di abbandonare qualunque pensiero quotidiano, perché quando si vive tra i pirati niente della vostra quotidianità sarà più uguale. Sappiate che non sarà indolore, ma Evangelisti, nella sua magnanimità, vi promette un'agonia breve, intensa ma rapida; questo suo romanzo è, infatti, la preziosa scintilla che innesca lo scoppio della palla di cannone ed il boato dell'ultima pagina, ultimo suo scampolo di vita, sarà il gusto che attendevate dall'inizio di provare.


Non posso eccedere positivamente nel giudizio e non perché il libro non meriti, tutt'altro, ma siamo distanti da ciò che considero eccellenza e anche Evangelisti altrove ha offerto migliori prove della sua abilità con la penna. Devo ammettere, però, una cosa in particolare, in un periodo in cui Pirati dei Caraibi spadroneggia nel genere "avventura piratesca", questo libro mi ha proiettato in quello che io considero il più bel film mai realizzato sui pirati: "Pirati" di Roman Polansky.


Bene, da quest'ultimo film togliete quella maestosa macchietta di Walter Matthau, aggiungete un paio di intrighi, una tonnellata di sangue, più pirati e un'antenata de la Bamba (la canzone più famosa, forse unica, di Ritchie Valens) e otterrete Tortuga.


Un'ultima raccomandazione, dalla Filibusta o si scende alla fine del viaggio o la discesa non sarà piacevole!
Buona lettura.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget