Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

sabato 27 settembre 2014

Frivolezza del giorno

Leggo che uno degli slogan politici dell'M5S sia: "A riveder le stelle". Io per restare in tema fumettistico, trovo invece imbattibile: "Fletto i muscoli e sono nel vuoto"; anche "Per il Potere di Greyskull, a me il potere" funziona un bel po', ma forse è troppo specifico.

martedì 23 settembre 2014

Quinto anno

Avremmo potuto anche scegliere dell'altro, ma è il quinto anno e con il quinto anno Take five ci va come il pepe sopra il cacio a sua volta sopra i maccheroni, no?

giovedì 18 settembre 2014

Di cazzi, di culi e di microcervelli.

Quotidianamente mi imbatto in prove di umanità - e a voler guardar bene la parola umanità ne avrei anche da pensare a quale sia quella di riferimento - che mi lasciano perplesso, quando non inorridito.

Soundmagazine - Ecole du ciel - Heartbeat war drum

Un fiore, non riesco a riconoscere quale, nel pieno del suo vigore, campeggia come copertina di quest’opera prima degli Ecole du ciel, dal titolo Heartbeat war drum, disco molto suonato e molto poco cantato, come si evince sin dalla prima traccia, Forever up there, dove la voce è più uno strumento che ha lo scopo di vocalizzare l’emozione, una vera bordata sonora, che fa da preludio a From my farthest shores, diventando un binomio di tracce impressionantemente bello, di quella bellezza che lascia attoniti a riflettere su quanto facilmente un immediato impatto acustico possa generare la pelle d’oca.

giovedì 11 settembre 2014

Nichilismo del giorno. Voi siete morti. Pure io non mi sento tanto bene.

E' talmente patetico il tempo in cui viviamo che per ogni cagata che succede, ma proprio qualunque eh, si diventa solo in grado di schierarsi in due fronti, armati solo delle proprie sudice considerazioni.
Oggi non bastavano le Torri gemelle, il guappetto ammazzato "accidentalmente" - come il vostro essere babbei - a Napoli, no, mò pure l'orso doveva morì.
E giù Vegani a cagare dalla bocca e Prefiche di ogni sesso a strapparsi i capelli. E io vorrei pure ridere di tutto questo, solo che mi ci sento talmente avviluppato in questo liquame, che mi viene solo voglia di silenzio e di un cazzo di meteorite.
Possibilmente in sequenza, ma pure al contrario me li farei bastare.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget