Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

mercoledì 9 luglio 2014

Soundmagazine.it - Verily so - Islands

Ci si può definire pianeti, mondi, isole o, se questi non piacciono, in altri svariati modi, resta però in tutti i casi, come una traccia di fondo, il nostro essere in una relativamente solitaria deriva fatta di avvicinamenti, di silenzi, di escursioni e stridii, spesso di difficile interpretazione per noi stessi come per tutto ciò che non è noi.


Per parafrasare qualcuno di conosciuto, “… il secondo album è sempre più difficile”, eppure Islands – titolo che motiva l’estemporanea valutazione di cui sopra e che l’incarna anche nella sua forma-canzone – dei toscani Verily so, è distante per molte caratteristiche dal loro primo omonimo LP, ma senza dubbio altrettanto qualitativo.
Il progetto e quindi il disco vedono l’aggiunta di un altro componente, Antonio Laudazi, al trio originario - Marialaura Specchia, Luca Dalpiaz, Simone Stefanini – ed un cambio percepibile di sonorità, che si fanno più elettriche e ritmicamente più martellanti.
L’apertura è data da un freddo giro di basso e dalla voce di Marialaura che mi innamora ogni volta che l’ascolto cantare, ma anche lasciando da parte le mie preferenze sentimentali, To behold è emblema significativo della maturata completezza, anche testuale, raggiunta e che anche mutando una parte dell’anima musicale che si sarebbe potuta riscontrare precedentemente, ha mantenuto caratteristiche interessanti e piacevoli nella vocalità e negli arrangiamenti, gestendo con abilità anche le variazioni sul tema: come accade, ad esempio, in Never came back, dove un pezzo morbido elettropop, cresce armonicamente nel ritornello, fino a esplodere sul finale diventando dance.
Islands è un ottimo disco, i Verily so, ancora una volta, si confermano un ottimo progetto.
Buon ascolto!


Ps. Si ringraziano, come sempre, Valentina e Soundmagazine per l'opportunità!

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget