Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

mercoledì 19 novembre 2014

Soundmagazine.it - Cesare Malfatti - [Una mia distrazione] + 2

Non è la prima volta che mi trovo di fronte questo disco, per lo meno dal punto di vista dell’ascolto, ma quando ho avuto il piacere del live, pur in tutta la sua bellissima parentesi serale la sorpresa mi aveva tolto l’attenzione per il particolare, regalandomi solo un generalizzato, sensibile, benessere.

Una mia distrazione + 2, secondo il racconto di Cesare Malfatti – ex La Crus -, nasce  con un incontro casuale – da cui la ragione della distrazione del titolo, intesa proprio come frivolezza senza impegno - tra lui, Antonio Zambrini e Luca Lezziero, a cui poi si è aggiunto il reparto strumentale di Riccardo Frisari, Matteo Zucconi e Vincenzo Di Silvestro e quello vocale femminile di Stefania Giarlotta, un elenco artistico che è necessario fare anche solo come ossequio a un’opera finita così compiutamente bella.
L’album si apre con una ballata da giornata uggiosa, Se tu sei qui, che cresce d’intensità strumentale per lasciare spazio ad alterazioni ora altrettanto morbide – Una mia distrazione; Marzo - ora più effervescenti – Per noi; Cantare - creando un insieme di brillante orecchiabilità. 
Del resto, quando armonie jazz così eteree e avvolgenti, incontrano una voce altrettanto esile, seppur calda, come quella di Malfatti e si intrecciano a testi così intensamente costruiti e maturi, così ben cesellati nel raccontare i sentimenti e il relazionarsi degli spazi tra esseri umani, è inevitabile restare incantati. Piacevolmente inevitabile.
Buon ascolto!


Ps. Ringrazio Valentina e Sound Magazine per l'opportunità.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget