Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

lunedì 18 ottobre 2010

Michail Afanas'evic Bulgakov - Cuore di cane

Titolo originale: Sabac 'e serdce
Autore: Michail Afanas'evic Bulgakov
Anno 1975
Edizione: Tascabili deluxe - Newton Compton editori
Pagine: 154

Se riflettiamo sulla problematica tecnica (per non parlare di quella etico-filosofica) offerta al giorno d'oggi dalla genetica sperimentale, ci apparirà oltremodo straordinario questo libro scritto nel 1925 e, sarà facile comprendere il perché quest'opera, non esattamente allineata al regime sovietico, abbia subito impedimenti alla sua pubblicazione, avvenuta solo verso la fine degli anni '80 del secolo scorso.

E' un libro con caratteristiche estremamente peculiari, ad esempio nella costruzione dei personaggi, che sembra soddisfino una ricerca di opposti che si incontrano e sovrappongono continuamente. Persino le due eccellenze del libro Pallinov il cane/esperimento/creatura e il dottore Preobrazénskij uomo/scienziato/padre partecipano attivamente a questo gioco degli opposti e ben al di là della sola relazione creatore-creatura. Gioco degli opposti, che naturalmente non rappresenta l'unica caratteristica, né necessariamente la più evidente, visto il continuo sfilare in rassegna dell'intera società russa. Ed è talmente vivido questo secondo aspetto, che, ampliato anche dai dialoghi e dalla presenza limitata di spazi in cui si dipana la trama, fa assomigliare l'opera più ad un carosello teatrale, che non ad un vero e proprio romanzo.

Cuore di cane non possiede i tratti grotteschi, disperati, terribili e malinconici del Frankenstein di Mary Shelley, ma quelli illimitati, curiosi e perversamente spietati della scienza contemporanea.
Buona lettura.

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget