Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

lunedì 19 gennaio 2015

Soundmagazine.it - Edda - Stavolta come mi ammazzerai?

La foto di un album di famiglia mancante del padre, comunque presente in qualità di fotografo e una domanda: “Stavolta come mi ammazzerai?”, che nasconde in sé la “rassicurante” certezza che succederà, a far da titolo al terzo album di Edda, al secolo Stefano Rampoldi, sono l’involucro di un lavoro per cui riuscire a trovare il modo per esprimere delusione e stupore ammirato, è come una specie di prova d’equilibrio sospesi sulla catastrofe,

giovedì 8 gennaio 2015

Aforisma del giorno

"Me lo ripeto tutti i giorni e tutti i giorni, puttana miseria, lo rifaccio, prima o poi imparerò a non leggere più i commenti lasciati in giro per la rete.
C'è da piangere, c'è da mettersi con la faccia sulla tazza del cesso e sperare che per il troppo piangere l'acqua non trabocchi prima di arrivare con la mano allo scarico
"

martedì 6 gennaio 2015

Nichilismo del giorno. Del vostro essere sudici

In merito alle due ragazze in Siria, non capirò mai la volgarità che vi spinge al commento - che anzi mi offende come se fossi io il vostro obiettivo - , ma soprattutto, né come possiate voi che credete in un qualche più o meno benevolo dio, proferire simili parole prive di alcuna carità, comprensione, rispetto; tantomeno capirò cosa debba essere accaduto nella vostra storia, per voi che non credete, da disumanizzarvi al punto di pensare alle vostre tasche piuttosto che alla vita umana.
Perché, indipendentemente da cosa abbiate nel cervello, stiamo parlando di ragazze di vent'anni - e tra voi ci sono padri, madri, fratelli, sorelle, nonni, porca puttana - umiliate nelle intenzioni e nel corpo e private della loro libertà.
E se vi commuovete per la tigre Birka che fa il ruttino e non per questo, signore e signori, fatevi vedere da un analista, ché per voi non c'è altro da poter fare
.

 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget