Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

sabato 31 luglio 2010

Robert Luis Stevenson - Il dottor Jekyll e Mr. Hide

Titolo originale: The strange case of Dr.Jekyll and Mr.Hide
Autore: Robert Luis Stevenson
Anno 1991
Edizione: I Classici Universale Economica Feltrinelli
Pagine: 111

E' un peccato non aver trovato alcuna copertina della Feltrinelli, adattabile all'occasione...
Prima di leggerlo, quando pensavo a questo libro, lo immaginavo truculento, per stomaci forti, più fantascientifico. Non è esattamente così, la forza delle parole espresse non è nel suo modo splatter di presentarsi, ma nel suo toccare dentro, nel mostrare come, la normalità, nel suo esistere, è un filo sottile.
E questo, non solo perché noi tutti possediamo un alter ego, perverso, violento, più conformemente animalesco, ma perché c'è solo una porta a separare le nostre due vite, aperta la quale, è sempre più difficile prima il chiuderla, poi persino il non oltrepassarla.


Credo che sia difficile uccidere un uomo, ma credo anche che tra ucciderne, ad esempio, quindici e ucciderne foss'anche cento, consapevolmente, l'unica differenza sarà la naturalità dell'atto nel suo mostrarsi alla nostra psiche di omicida. La quale, via via apparirà ai nostri occhi prima sconvolgente, depravata ed emozionante, poi sempre più metodica, algida e usuale.
I gesti che rappresentano la normalità, sono parte di quel filo da lei composto, oltrepassato il quale, arduo, se non impossibile sarà il ritorno.


Siamo tutti Jekyll, con la paura dei possibili Hide che in noi imprigioniamo.
Buona lettura.

giovedì 1 luglio 2010

Aforisma del giorno

"Chiunque metta pazienza sia ringraziato, a chi vi aggiunga virtù d'osservazione, gli sia fortuna"
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget