Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

mercoledì 24 giugno 2015

Soundmagazine.it - Filarmonica Municipale la crisi - Sento cadere qualcosa

Sento cadere qualcosa è uno di quei titoli che ha l’imbarazzo della lettura, in tutti quei pieni puntini di sospensione che attendono la scoperta di cosa sia effettivamente caduto.
E ci sono tutti, non disciplinatamente dipanati forse, ma sicuramente raccontati, d’altro canto le storie d’amore, le relazioni, più che spiegate possono solo essere raccontate.
Ed è questo che la Filarmonica municipale LaCrisi, forte della vittoria al premio Ciampi del 2014 e della produzione di Alessandro Fiori, fa con questo disco, dipana rette che diventano improvvisamente spirali e poi onde, per ritornare rette, ma solo perché ogni traccia ha un inizio e una fine, non perché il racconto del brano abbia trovato già una sua definitiva compiutezza, la sua chiusura.
Lo fa nei testi, ora più corposi e densi – Io mi procuro dei soldi; Più di così – ora più incalzanti febbrili quasi allitterati nel loro inseguirsi di parole – Negozio di dischi; Il mondo alla rinversa – ora, infine, più poetici e allegorici – Demolizione della Terra; Io rimango solo. Ma lo fa anche attraverso una musicalità vezzosa, notevole, ben miscelata e armonizzata, sia nelle pause strumentali – Zeman; Sento cadere qualcosa – sia in accompagnamento al cantato, oscillando dolcezza pop, a sincopatie psichedeliche e a elettricità da sintetizzatore.
 
L’album è molto maturo, nella forma e nel contenuto e davvero non ho molte altre parole per esprimere quanto sia piacevole ascoltarlo, quanto sia piacevole il pensiero di dedicarsi a un lavoro così ben fatto, così compiuto nella sua voluta sensazione di creare sospensione e attesa, soprattutto emotiva.
Buon ascolto! 


Ps. Ringrazio Valentina e Soundmagazine per l'opportunità!

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget