Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

martedì 7 gennaio 2014

Soundmagazine.it - Neko at Stella - Neko at Stella

Desert rock.
Ripetetelo con me: “desert rock”.
Se non bastasse l’ascolto di un disco, ci penserebbe il racchiuderlo in un genere a creare film mentali in chi l’ascolta.

Ad esempio, questo appellativo mi riporta alla mente quel meraviglioso film dove c’è un Gibson giovanissimo, Mad Max, con il mondo ridotto a un canyon sabbioso, un’ambientazione cyberpunk post-apocalittica perfetta per il penta-occhiuto gatto samurai in copertina al disco Neko at Stella dell’omonimo duo fiorentino – Glauco Boato (voce/chitarra) e Jacopo Massangioli (batteria).
L’album è un’opera prima, di lunga gestazione, che si compone di un’esplosiva miscela di radicate influenze blues, ammalianti nenie shoegaze ed elettrificati stordimenti noise, come in Now i know, che asfaltano in due tempi separati da Intermission, “pausa” strumentale di poco più di due minuti, le fantasie di un mondo assolato. Illuminati da un’inarrestabile e immobile palla di fuoco nel cielo si salta dalla ferocia di As loud as hell, meraviglioso nel riff di chitarra già da solo valevole dell’ascolto dell’intero disco, fino a Like flowers, ballata folk blues un po’ struggente, un po’ alienata, un po’ disperatamente innamorata, che ricorda come anche il più rude masticatore e sputatore di tabacco, e nel deserto – anche in quello post-apocalittico – si sa ne è pieno, si nasconde un tonno tenero che diventa affettabile con improvvisati coltelli/grissini.
Neko at stella, è un disco che ti fa pensare a quando il Sole diventerà una nana bianca e prima di brillare un’ultima volta, per cancellare tutto ciò che ci riguarda nel silenzio dello spazio, ci ricorderà che tutti abbiamo un blues da piangere [cit. nec.] e il loro saluto con Come back to blues sarà perfetto.
Buon ascolto!



Ps. Ringrazio Valentina e Soundmagazine per l'opportunità!

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate, ché solo nello scambio c'è ricchezza per entrambi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget