Forse non essenzialmente io, ma io

La mia foto
Bologna (itinerante), Bo, Italy
Nato a Taranto il 6 maggio nel segno del Toro. Il Giallo del collettivo Shingo Tamai, cialtrone poliedrico, dilettante eclettico, onnivoro relazionale, sempre in cerca di piaceri, di vezzi, di spunti e di guerre perse in partenza. L'idea di comparire in questi termini sulla rete è nata da un brainstorming con un amico, Leonardo Chiantini, qualunque fortuna possa avere il suo primo "quaderno di appunti" virtuale, è a lui che vanno i suoi ringraziamenti.
Benvenuti e buona lettura.
Ps. Aggiungetemi su Facebook e, con lo pseudonimo andrelebrogge, su Twitter

mercoledì 27 febbraio 2013

Soundmagazine.it - Marta sui tubi - Cinque. La Luna e le spine

Ci sono certi dischi che sembrano voler raccontare i giorni di pioggia, quelli che sono un canto di vita estiva e, tra gli altri possibili, ci sono anche quelli, come questo, che forse per la copertina o per il titolo o per le sensazioni che suscitano, sembrano tacitamente appartenere alla notte.

sabato 23 febbraio 2013

Frivolezza del giorno - Monorima in oni. A rimar con Berlusconi


Ho letto in strada su alcuni cartelloni
“Vota Berlusconi, voti soluzioni”.
E’ strano ritrovar queste affissioni,
sì ovvie da sprecar luce ai lampioni.
Ché mica è vero, come dicon gli infamoni,
che ha corrotto giudici e opinioni,
che ha protetto Mangano, omaggiato simili campioni,
che grazie al suo potere, e non all'erezioni,
ha umiliato le donne, peggiore tra i papponi.

La colpa non è sua, cari bricconi,
son gli altri, i politici, i veri puzzoni,
quei quattro comunisti gli straccioni
che da bravi ladri rubano i milioni.
Suvvia, vi chiede il vostro voto all’elezioni
poi toglierà via l’IMU, siate buoni,
sarà sensibile anche alla causa dei ricchioni
darà le case ai giovani, ai vecchi le pensioni.
Pensateci, non bastano vent’anni alle ragioni,
figuriamoci alle sue, vittime di persecuzioni.
O forse abbiam vissuto di finzioni
e siamo noi i colpevoli, gli unici coglioni.

giovedì 21 febbraio 2013

domenica 17 febbraio 2013

Perché Sanremo è Sanremo

"Finalmente un cantante straniero che vince Sanremo"
Enrico Lombardi 

Era il Settembre del 2006 quando mi dissi che non avrei più guardato la televisione se non costretto dal contesto logistico/amicale, ma Sanremo...
Sanremo era dal 1996: Elio e le Storie Tese con La terra dei cachi secondi dietro a Vorrei incontrarti tra cent'anni di Ron e Tosca e già allora ne dissi. Intendo di bestemmie.


sabato 16 febbraio 2013

Soundmagazine.it - Là-bas - Là-bas

Quando ero ragazzo, non ricordo perché forse solo per amor d’aneddotica, mi raccontarono la storia di un operaio che era abituato ad accompagnare tutte le mattine la moglie alla stazione. Lì, dopo una abbraccio e un bacio, lei avrebbe preso il treno per andare a lavorare all’industria fuori città e lui dopo averla vista salire in carrozza sarebbe andato ad aprire la sua officina. Alla morte della moglie, che giunse all’improvviso a sconvolgere quell’affettuosa quotidianità, l’uomo rispose continuando tutte le mattine seguenti ad andare alla stazione a veder partire il treno delle 6.45, prima di recarsi ad aprire la sua officina.

venerdì 15 febbraio 2013

mercoledì 13 febbraio 2013

John Steinbeck - Il breve regno di Pipino IV

Titolo originale: The short reign of Pippin IV
Autore: John Ernst Steinbeck Jr.
Anno 2002
Edizione: BUR La scala
Pagine: 194



"Gli uomini o sono bambini o sono vecchi: non c'è via di mezzo. Ma nella loro irragionevolezza e irresponasabilità infantili c'è qualche volta una certa grandezza. Devi sapere che la maggior parte delle donne mi risultano essere più intelligenti, ma le donne crescono, le donne affrontano la realtà... e le donne sono assai di rado dotate di grandezza."

Alcuni autori ritengo provino un piacere perverso nel perculare i loro lettori, tanto più quando questa canzonatura non è immediatamente percepibile, se non istintivamente. 

domenica 10 febbraio 2013

Storizzamimimi #7

Centotrentasette oggi fa, all'età di trentotto anni a causa di un'infezione causata da una ferita d'arma da fuoco all'addome, spirava in pace con la propria coscienza Aleksandr Sergeevič Puškin, uomo sfortunato, intrepido e volitivo, scrittore eccelso e fondatore della contemporanea lingua letteraria russa, che perse la vita in duello a causa di un bottone.

giovedì 7 febbraio 2013

Il Discolo vol. I

Siccome a noi le liste, con quel loro gusto un po' retrò, ci piacciono una cifra e siccome c'è anche un precedente episodio, quest'anno con l'idea di arrivare a inizio febbraio per postare il nostro Disco(lo)ne virtuale dell'anno ci siamo implementati - anche perché abbiamo scelto di sottoporci a estenuanti addestramenti e giorni di duro lavoro per imparare ad usare un po' di più Youtube, in modo da caricarci su un po' di videi e siamo anche riusciti a scambiare con il nostro, equivocamente siglato amico, S.S., preziosi consigli di natura tecnica, senza i quali staremmo quasi certamente a fare l'imitazione della scimmia urlatrice saltando intorno al pc.

Così, eccoci qua nel 2013 sopravvissuti allo sfacelo, ma solo a quello pronosticato dai Maya, per rimembrar con ancor tanta gioia nel cor i tempi perduti, ohinoi, e soprattutto per discettare di aria fritta dicendo: "Ah, signora mia, come si faceva un tempo musica in Italia...".
Godetevi quindi la collezione - ché non è una classifica - dei ventisette brani più belli - per noi - del 2012, selezionati da altrettanti dischi caratterizzati solo dall'esser rial veri facchin' meid initali, che abbiamo avuto la fortuna di ascoltare e che in alcuni casi ci son rimasti in mente solo per il singolo brano in questione, per la serie: "... ma avete fatto anche cose buone" [cit.].
Buon ascolto.
  


Track list
1) Calibro 35 - Ogni riferimento a fatti accaduti è puramente casuale
2) Five four nine - Brand new car
7) Gattamolesta - Vecchio mondo
9) Vero su bianco - Il grano
10) Monaci del surf - Imperial march
14) Umberto Maria Giardini - Il desiderio preso per la coda
15) Colapesce - Restiamo in casa
16) Mimes of wine - Silver steps
17) News for Lulù - They know
19) Niccolò Carnesi - Ho poca fantasia
20) Dimartino - Non ho più voglia di imparare
23) Maria Antonietta - Maria Maddalena
25) Starcontrol - Persian carpet

N.B. La copertina è stata rubbata da questo sito: http://www.featurepics.com/online/Vinyl-Record-1776082.aspx; accettiamo tutte le rimostranze del caso.

martedì 5 febbraio 2013

Soundmagazine.it - Tre Allegri Ragazzi Morti - Nel giardino dei fantasmi

Guardatela bene questa illustrazione che fa da apertura al disco Nel giardino dei fantasmi dei Tre Allegri Ragazzi Morti, perché oltre alle mani di Toffolo è intrisa dell’odore del premio di miglior copertina, vinto pochi giorni fa all’ottava edizione del MArteAwards, premio italiano dell’arte nuova.
Quando l’ho saputo tra i premiati, ho pensato: “com’è possibile che questo album uscito in questo inizio 2013 abbia già vinto un premio come miglior qualcosa?” e naturalmente il merito era della mia distrazione che mi aveva fatto credere che fosse uscito a gennaio, quando invece era uscito a dicembre.

lunedì 4 febbraio 2013

Alessandro Angeli - Mare di vetro


Titolo originale: Mare di vetro
Autore: Alessandro Angeli
Anno 2012
Edizione: Quarup
Pagine: 103


Non sono sicuro di aver capito fino in fondo questo libro, di aver afferrato davvero tutti i suoi significati o visto i colori di tutti i riflessi, il motivo potrebbe essere dato dal mio essere particolarmente distratto in questo periodo oppure (o anche) dalla determinazione di Angeli, l’autore, di voler smarrire il lettore, nel susseguirsi di momenti distanti tra loro seppur consequenziali.

venerdì 1 febbraio 2013

Soundmagazine.it - Ved - Ved

Se qualcuno, come ho fatto io, si prendesse la briga di cercare la parola ved, scoprirebbe che Google riporta come prima voce quella riguardante un’azienda di produzione e manutenzione di tubi e raccordi, quindi, solo al secondo posto, il presunto curioso, troverebbe il vero soggetto della mia ricerca.
Non so se sia il caso di farlo, ma il nome di questa band svedese composta da cinque polistrumentisti, omonimo al disco d’esordio, è traducibile con legna da ardere e per quanto mi ci scervelli non ne capisco il motivo, non riesco a trovare il registro narrativo, ammettendo che debba essercene uno.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget